Numero Verde: 800-56.17.17

michele taverna logo bianco

”La fine del dropshipping sarà nel 2022” ci avevo visto lungo

Ciao a tutti e benvenuti nel mio blog. Io sono Michele Taverna e In questo articolo, analizzeremo le criticità del dropshipping e ti spiegherò perché non è più una soluzione efficace per fare soldi senza soldi.

Il dropshipping è stato a lungo considerato un modo per fare soldi partendo da zero. Tuttavia, le problematiche che circondano questo modello di business stanno diventando sempre di più, rendendolo insostenibile nel lungo periodo.

Il primo grande problema è legato al media buying. 

Per avere successo nel dropshipping, sono necessarie ottime capacità di media buying e gestione delle campagne pubblicitarie su Facebook e Google. Questo richiede non solo competenze tecniche avanzate, ma anche una grande quantità di test e tempo.

Inoltre, il dropshipping richiede un investimento iniziale elevato. Non è possibile avviare un’attività di dropshipping con pochi soldi, ma servono almeno dai 1500 ai 3000 euro per un prodotto che viene venduto a un massimo di 30 euro. 

Il margine di guadagno è estremamente basso e, con il costo del traffico che sta aumentando drasticamente negli ultimi anni, diventa difficile raggiungere il profitto.

La concorrenza nel del drop ormai è diventata molto intensa. Ci sono molte aziende che vendono prodotti fisici online e la competizione è molto alta. 

Le grandi aziende che hanno più risorse economiche di te, spesso vendono gli stessi prodotti che vendi tu, a prezzi molto più bassi.

Infine, la pandemia da Covid-19 ha reso ancora più difficile la situazione per il dropshipping. Molti negozi fisici sono stati costretti a spostarsi online e la concorrenza è diventata ancora più aspra.

Se stai cercando un modo per guadagnare denaro senza investire grandi somme di denaro, non scegliere il dropshipping. Cerca invece di trovare altri metodi per guadagnare online, come la vendita su Etsy per esempio.

Se vuoi avere successo con il dropshipping, non basta pubblicare prodotti online e sperare che si vendano. È necessario avere un team di professionisti che si occupi di montare video, creare musica e ads accattivanti, altrimenti rischi di rimanere indietro rispetto alla concorrenza.

Inoltre, un prodotto venduto in dropshipping ha una longevità massima di circa 6 mesi, dopodiché diventa obsoleto. A quel punto, se vuoi continuare a vendere prodotti online, devi acquistare un po’ di stock con un agente in Cina che ti tenga la merce. 

Ma anche in questo caso, non sei al sicuro: il prodotto potrebbe non vendere più bene a causa dei cambiamenti nell’algoritmo di Facebook, oppure potresti subire un ban senza un vero motivo. 

Il supporto clienti per gli inserzionisti è molto limitato, quindi rischi di rimanere completamente bloccato senza possibilità di recuperare le tue vendite.

Inoltre, è importante sapere che quando crei una campagna pubblicitaria su Facebook per il dropshipping, devi pagare l’IVA. 

Questo rappresenta un altro costo da considerare, che spesso viene sottovalutato.

Per questi motivi, è necessario considerare la creazione di un’azienda vera e propria per vendere prodotti online. Questo richiederà un maggiore investimento iniziale ma ne gioverete nel lungo periodo.

Adesso vorrei sfatare qualche mito che ruota attorno a questo sopravvalutato business

Mito n.1: ”Non hai bisogno di investire denaro”

Questo è uno dei miti più diffusi sul dropshipping. 

Molti pensano che non ci siano costi associati a questo business, ma in realtà non è così. Per avviare un’attività di drop, devi investire denaro nella creazione del tuo sito web, nel marketing, nella pubblicità e nell’acquisto del tuo inventario. 

È importante avere un budget ben definito per evitare di fare investimenti sbagliati.

Mito n.2: ”Non hai bisogno di esperienza o di competenze”

Il dropshipping potrebbe sembrare un modo facile per guadagnare denaro, ma in realtà richiede molte competenze tecniche e strategiche, oltre che capacità. 

Devi avere conoscenze sulla scelta del prodotto giusto (ricerca di mercato), sulla promozione del prodotto, sulla gestione dei clienti e sull’inventario di merce, customer service, marketing, vendita, gestione di un team, copywriting, grafica, email marketing e altro… 

Senza queste competenze, il tuo business di dropshipping è destinato a fallire.

Mito n.3: ”Non devi preoccuparti del servizio clienti”

Molti pensano che, grazie al dropshipping, non sia necessario gestire il servizio clienti. 

In realtà, il fornitore si occupa solo della spedizione e della gestione dell’inventario, mentre è il venditore che deve offrire un’esperienza di acquisto eccellente e gestire le lamentele dei clienti. È importante offrire un’assistenza al cliente di qualità eccelsa per aumentare la fidelizzazione e la reputazione del tuo brand e anche per non incorrere in ban alla pagina che usi per fare le ads su Facebook.

Mito n.4: ”Il dropshipping è un modo facile per fare soldi”

Il dropshipping può sembrare un modo facile per fare soldi, ma in realtà richiede molto lavoro e dedizione. 

Non puoi aspettarti di fare soldi subito, devi costruire il tuo business, testare i prodotti e trovare la tua nicchia di mercato. 

Devi inoltre continuare a monitorare il tuo mercato e rimanere sempre aggiornato sulle nuove tendenze e strategie di marketing da utilizzare.

Oppure devi sempre essere informato su nuove policy da parte di Facebook per fare pubblicità.

Mito n.5: ”Puoi guadagnare milioni con il dropshipping”

Molti siti web e video online promuovono il dropshipping come un modo per guadagnare milioni di euro in breve tempo, ma questo è un mito!

Il dropshipping può essere redditizio, ma richiede tempo, dedizione e lavoro duro. Non ci sono scorciatoie per guadagnare milioni di dollari. È importante mantenere una visione realistica del tuo business e lavorare costantemente per migliorarlo.

Il dropshipping presenta diverse altre sfide, tra cui la necessità di avere qualcuno che possa rispondere prontamente alle domande dei clienti.

Alcune aziende consigliano di assumere assistenti virtuali da paesi come Pakistan o India tramite piattaforme come Upwork o Fiverr, ma questo approccio può comportare solo problemi. Le persone assunte potrebbero non conoscere l’inglese in modo fluente e potrebbero avere difficoltà a capire le domande dei clienti. Inoltre, il fuso orario potrebbe impedire di avere sempre qualcuno disponibile per assistere i clienti.

Purtroppo,molti dropshippers truffano i clienti vendendo prodotti di scarsa qualità, utilizzando packaging e branding ingannevoli. 

Tuttavia, questo approccio non funziona a lungo termine e danneggerà la reputazione del tuo store. 

I clienti si aspettano di ricevere i prodotti acquistati con il marchio promesso e il packaging indicato, o di ricevere i prodotti entro 1 settimana e non in 3 mesi. Pertanto, è importante evitare queste pratiche ingannevoli per costruire un’azienda affidabile.

E vogliamo parlare dei MARGINI di guadagno?

Il margine di guadagno è ciò che conta davvero in un’azienda, mentre il fatturato è solo una vanity metric che non porta a nulla. 

Ad esempio, guadagnare solo mille euro su un fatturato di 100mila euro è un’operazione stupida che consuma risorse e tempo.

Il dropshipping è un modello di business destinato al fallimento, poiché non consente di guadagnare nulla. Invece di ottenere un guadagno, spesso si finisce per pagarsi in banane o in noccioline, o addirittura pagare di tasca propria se si è andati in perdita.

Il dropshipping è una formula fallimentare che non funziona a lungo termine. Per avere successo, è necessario investire tempo, risorse e denaro in un ecommerce ben fatto, con un team e i costi fissi che comporta. Questo richiede un investimento significativo, ma porta a un profitto effettivo, ovvero a un margine netto o almeno al recupero dell’investimento.

Il fatturato non deve essere l’unica metrica per valutare il successo di un’azienda. È il margine di guadagno che conta veramente. Per avere successo nel business, è necessario investire in un progetto a lungo termine che porti a un profitto effettivo, altrimenti il fallimento è assicurato.

”Ok Michele, ma se non ho budget che faccio?”

Se si dispone di una somma modesta di denaro, come ad esempio 300 euro, avviare un business online rappresenta un’opportunità per guadagnare un reddito extra. 

Tuttavia, è importante sottolineare che questo non garantisce di diventare ricchi. È comunque utile avere almeno una fonte di reddito stabile, specialmente in tempi come questi. 

Ad esempio, un reddito mensile di 10.000 euro può cambiare la vita e fornire la possibilità di investire, risparmiare e persino avviare un altro business.

Diventare multimilionario richiede molto tempo e fatica e non è necessariamente possibile con un singolo business online. Tuttavia, un reddito di 4-5-7 mila euro al mese può ancora rappresentare un obiettivo significativo per molti.

Ad oggi il business migliore sulla piazza è la vendita su Etsy.

perché Etsy? Etsy è una piattaforma online che permette di vendere prodotti fisici o digitali. Si tratta di un ecommerce online in continua crescita, dove gli acquirenti cercano prodotti unici e personalizzati. Inoltre, non occorre avere una grande somma di denaro per iniziare a vendere su Etsy, infatti, è possibile iniziare con una spesa iniziale molto bassa, tra i 5 e i 30 euro.

Ma, come già accennato, non aspettatevi di diventare ricchi con Etsy, questo è un business che può portare a guadagnare qualche migliaio di euro in più al mese e non oltre, a meno che non vogliamo scalarlo.

Ecco dove entra in gioco la mia esperienza

Se vuoi saperne di più, ho creato un corso e un programma di affiancamento che ti insegna passo dopo passo su come aprire negozi su Etsy in modo professionale e generare entrate passive. Il corso ti fornisce anche tutte le informazioni necessarie sulle strategie di marketing, pubblicazione prodotti, fiscalità, creazione prodotti, ricerca di mercato e molto altro ancora…

Scopri come diventare un imprenditore di successo su Etsy oggi stesso!

Per creare un negozio di successo su Etsy, consulta il nostro percorso formativo dalla A alla Z che ti aiuta a vendere su Etsy: Protocollo Etsy.

In alternativa, puoi chiamare il nostro numero verde gratuito 800.56.17.17, attivo 24H su 24, 7 giorni su 7, per fare tutte le domande che vuoi, o per analizzare la tua situazione con uno dei nostri consulenti esperti.

Non preoccuparti se i nostri consulenti sono impegnati in un’altra conversazione quando chiami, verrai ricontattato praticamente immediatamente.

Il nostro obiettivo è aiutarti a vendere su Etsy come un professionista, e farti raggiungere i tuoi obiettivi monetari.

Se vuoi gurdare la versione video ed audio di questo articolo, trovi il video di Youtube poco sotto a questa frase.

Michele Taverna

Potresti leggere anche...

Open chat
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?